Prima Casa: il riacquisto all’estero non fa decadere le agevolazioni

L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle agevolazioni sulla prima casa e il riacquisto di un immobile all'estero.

A seguito della risposta all’interpello n.126, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle agevolazioni sulla prima casa e il riacquisto di un immobile all’estero.

Come sottolineato anche dalla Circolare n. 31/2010, esiste la possibilità che i benefici fiscali goduti non decadano se sussistono strumenti di cooperazione amministrativa che consentano di verificare che effettivamente l’immobile acquistato sia adibito a dimora abituale.

 

I documenti che potrebbero essere utili a tal fine, sono:

  • Il rogito notarile di acquisto dell’abitazione all’estero;
  • La documentazione comprovante la dimora abituale nell’immobile acquistato all’estero (es. ricevute di pagamento delle utenze).

Tutti i documenti a supporto, che dovranno essere provvisti di apostille e tradotti in italiano, dovranno essere inviati tramite PEC o tramite raccomandata A/R all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate dove è stato registrato l’atto di acquisto.

Più di

0

anni d’esperienza

I nostri Team di Esperti hanno una consolidata esperienza nella gestione del distacco dei lavoratori, pratiche d’immigrazione e servizi fiscali in Italia e nel mondo.

Scelti da

0

clienti nel 2021

Prenota una call con i nostri Esperti

Scegli data e ora che preferisci per prenotare una consulenza con i nostri Esperti.