Il Sistema Visto Italiano

learn the types available of italian visa to enter italy
Scopri di più sul Sistema Visto Italiano e le sue categorie: breve o lungo termine; affari, investimento, tirocinio e molti altri ancora.

Il visto italiano è una dicitura sul passaporto che consente agli stranieri di entrare nel Paese. Nello specifico, il visto è necessario per i cittadini extracomunitari che intendono entrare in Italia per molteplici motivi. Di seguito, una panoramica dei tipi di visto italiani.

Indice dei contenuti

  1. Che cos’è un visto?
  2. La normativa alla base dei visti italiani
  3. Paesi Visa Waiver e Area Schengen
  4. I tipi di visto italiani
  5. Rifiuto dei visti italiani
  6. Prenota call
  7. Chiedi ai nostri Esperti

 

1. Che cos’è un visto?

Un visto può essere descritto come un’autorizzazione fornita a uno straniero per entrare nel Paese. In quanto tale, il visto può essere rilasciato sia per il transito che per il soggiorno. I visti hanno una data di scadenza e non sono rinnovabili.

Per ottenere un visto, il viaggiatore deve presentare domanda presso gli uffici consolari italiani sparsi in tutto il mondo. Inoltre, è importante ricordare che, una volta rilasciato, il visto può essere revocato dalle Autorità.

2. La normativa alla base dei Visti Italiani

I tipi di visto italiani sono grossomodo due: visti di breve durata e visti di lunga durata. I visti di breve durata sono adatti a soggiorni non superiori a 3 mesi durante un periodo di sei mesi. I visti a lungo termine, invece, sono applicabili per soggiorni superiori a 90 giorni.

I visti di breve durata sono disciplinati dal Regolamento UE 810/2009, adottato in Italia con Decreto Ministeriale dell’11 maggio 2011. Il suddetto Regolamento descrive le procedure e le condizioni che ogni Paese deve rispettare. Si tratta, quindi, di un insieme di regole condivise tra i Paesi dell’UE.

I visti di lungo periodo sono regolati dal Decreto Legislativo 286/1998, noto anche come Testo Unico sull’Immigrazione.

A causa di questa diversa fonte normativa, i visti sono generalmente classificati in Visti Schengen Uniformi (USV) o Visti Nazionali (NV).

3. Paesi Visa Waiver e Area Schengen

Non tutti gli stranieri che desiderano recarsi in Italia hanno bisogno di un visto. I viaggiatori esenti da visto possono essere suddivisi in due gruppi: i viaggiatori dell’Area Schengen e i viaggiatori di Paesi esenti da visto, cosiddetti Visa Waiver.

3.1 Paesi dell’Area Schengen

L’Acquis Schengen, una convenzione di attuazione dell’Accordo di Schengen del 14 giugno 1985, ha creato un’area di libera circolazione in Europa. L’accordo è stato firmato dai governi degli Stati dell’Unione economica del Benelux, della Repubblica federale di Germania e della Repubblica francese. L’obiettivo era quello di approvare la graduale abolizione delle frontiere comuni.

Grazie all’Acquis Schengen, i cittadini dell’UE possono spostarsi da un Paese all’altro dell’Unione senza bisogno di visti.

3.2 Paesi Visa Waiver

I cittadini dei seguenti Paesi, invece, non hanno bisogno di un visto a determinate condizioni:

Albania, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Dominica, El Salvador, Emirati Arabi Uniti, Georgia, Giappone, Grenada, Guatemala, Honduras, Hong Kong SAR, Isole Salomone, Israele, Kiribati, Vincent e Grenadine, Taiwan, Timor Est, Tonga, Trinidad e Tobago, Tuvalu, Ucraina, Uruguay, Vanuatu, Venezuela.

Le condizioni per i Paesi citati si applicano esclusivamente per soggiorni fino a 90 giorni in un periodo di 180 giorni, per:

  • turismo;
  • missione;
  • affari;
  • invito;
  • motivi religiosI;
  • transito;
  • trasporto;
  • competizione sportiva e studio.

 

Alcuni Paesi devono, però, soddisfare alcune condizioni specifiche:

  • Taiwan: l’esenzione dal visto si applica solo ai titolari di passaporti che includono un numero di carta d’identità.
  • Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia del Nord, Moldavia, Montenegro, Serbia, Ucraina: l’esenzione dal visto si applica solo ai titolari di passaporti biometrici.
  • I cittadini serbi in possesso di passaporti rilasciati dalla Direzione di coordinamento serba (Koordinaciona uprava) sono esclusi dall’esenzione dal visto.

 

I cittadini di San Marino e della Santa Sede sono sempre esenti dall’obbligo di visto.

4. I tipi di Visto italiani

4.1 Visto per permanenze di Breve Termine (Uniform Schengen Visa – USV)

  • Affari – rilasciato ai cittadini stranieri in arrivo in Italia per attività d’affari (incontri, negoziazioni, sessioni d’aggiornamento);
  • Turistico – rilasciato ai cittadini stranieri in arrivo in Italia per motivi turistici;
  • Studio – rilasciato ai cittadini stranieri che intendono studiare in Italia presso istituzioni educative ufficialmente riconosciute;
  • Adozione – rilasciato ai cittadini stranieri che sono stati adottati in Italia;
  • Cure Mediche – rilasciato ai cittadini stranieri che vengono in Italia per sottoporsi a cure mediche in una clinica pubblica o privata;
  • Mission – rilasciato ai cittadini stranieri in arrivo in Italia per motivi legati al loro ruolo pubblico;
  • Motivi Religiosi – rilasciato ai cittadini stranieri in arrivo in Italia per prendere parte a pellegrinaggi o altri motivi di culto;
  • Competizioni Sportive – rilasciato ai cittadini stranieri in arrivo in Italia per partecipare a competizioni sportive.

 

4.3 Visto per permanenze di Lungo Termine (Visto Nazionale – VN):

  • Lavoro – rilasciato ai cittadini stranieri in arrivo in Italia;
  • Trasferimento Intra Societario – per trasferimenti intra societari di personale altamente specializzato/direttori o apprendisti;
  • Carta Blu – per l’assunzione locale di personale altamente specializzato o direttori;
  • Motivi Familiari – rilasciato ai cittadini stranieri che devono ricongiungersi per un periodo di lungo termine ad un parente che risiede in Italia
    • Visto per membri familiari, che accompagnano uno straniero che ha già ottenuto un visto di tipo “D” per l’Italia
    • Visto per membri familiari di un Cittadino straniero che già vive in Italia
  • Residenza Elettiva – rilasciato ai cittadini stranieri che desiderano spostare la loro residenza in Italia;
  • Investitori – rilasciato ai cittadini stranieri che hanno intenzione di investire in attività in Italia;
  • Startup in Italia – dedicato a quegli imprenditori stranieri che desiderano aprire una startup innovativa in Italia, strettamente legata ad innovazione e tecnologia;
  • Tirocinio – rilasciato ai cittadini stranieri che si trasferiscono in Italia sulla base di un progetto formativo in azienda;
  • Mission – rilasciato ai cittadini stranieri in arrivo in Italia per motivi legati al loro incarico pubblico;
  • Motivi Religiosi – rilasciato ai cittadini stranieri in arrivo in Italia per prendere parte a pellegrinaggi o altri motivi di culto;
  • Visto di Reingresso – rilasciato ai cittadini stranieri che già possedevano un permesso di soggiorno in Italia ma, smarrito per qualunque motivo, devono rientrare nel paese.

 

5. Rifiuto dei Visti italiani

Quando uno straniero richiede un visto, le Autorità possono negare il rilascio di tale documento. In tal caso, le Autorità devono motivare il diniego. Infatti, i Consolati comunicano all’interessato in una lingua a lui comprensibile o, in mancanza, in inglese, francese, spagnolo o arabo la motivazione del diniego.

Lo straniero può quindi presentare ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (T.A.R.) del Lazio entro 60 giorni dalla notifica della decisione.

Solo nel caso di diniego del visto per ricongiungimento familiare o per l’accompagnamento di familiari, i ricorsi possono essere presentati al Tribunale ordinario competente senza limiti di tempo.

 


 

6. Riferimenti normativi

  • Acquis Schengen
  • Decreto legge 286, 1998
  • Regolamento EU 810/2009
  • Decreto Ministeriale dell’11 Maggio 2001

Come possiamo aiutarvi

Studio A&P può aiutarti a richiedere un visto o un permesso di soggiorno. Possiamo svolgere l’intero processo online, supportandoti durante l’intera procedura.

Passi semplici e veloci per ottenere un visto italiano:

  1. Contattaci prima di arrivare in Italia;
  2. Analizzeremo il tuo caso specifico;
  3. Riceverai una consulenza ad hoc su adempimenti, tempi e costi della procedura;
  4. Riceverai un supporto completo nella preparazione e nella presentazione di tutti i documenti necessari;
  5. Ti informeremo sugli adempimenti obbligatori da completare all’ arrivo in Italia.
 

Non sai da dove cominciare? Dai un’occhiata alla nostra lista completa di visti italiani per trovare quello più adatto a te.

Compila il modulo sottostante per ottenere un preventivo dai nostri Esperti o prenota direttamente una chiamata per ricevere una consulenza dedicata con A&P.

Più di

0

anni d’esperienza

I nostri Team di Esperti hanno una consolidata esperienza nella gestione del distacco dei lavoratori, pratiche d’immigrazione e servizi fiscali in Italia e nel mondo.

Scelti da

0

clienti nel 2021

Prenota una call con i nostri Esperti

Scegli data e ora che preferisci per prenotare una consulenza con i nostri Esperti.

Richiedi un preventivo al form sottostante