Estensione del regime agevolato per ricercatori e docenti in Italia: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

incentives for professors and researchers returning to italy
La legge di bilancio 2022 ha chiarito che i docenti e i ricercatori possono optare per l’estensione del regime di favore fino a otto, undici o tredici periodi di imposta complessivi.

Con la Circolare del 24.05.2022 n. 17 l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti sull’estensione del regime agevolato per ricercatori e docenti rientrati in Italia prima del 2020.

Indice dei contenuti

  1. Quali sono le opzioni per l’estensione del beneficio?
  2. Chi può accedere al beneficio?
  3. Quando si può richiedere?
  4. Riferimenti normativi
  5. Come possiamo aiutarti
  6. Contattaci
  7. Richiedi un preventivo

 

1. Quali sono le opzioni per l’estensione del beneficio?

Con Circolare del 24 maggio 2022 n. 17, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’ambito applicativo dell’opportunità introdotta dalla Legge di Bilancio 2022 n. 234/2021, che consente a docenti e ricercatori residenti all’estero e rientrati in Italia, di estendere il regime di favore (previsto dall’Articolo 44 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78) fino ad un massimo di 13 periodi di imposta complessivi, sciogliendo così alcuni dubbi di ricercatori e docenti rientrati in Italia dall’estero prima del 2020 che intendono continuare a usufruire di tale imposizione agevolata.

In particolare, la legge di bilancio 2022 ha introdotto la possibilità per i docenti e i ricercatori rientrati fiscalmente in Italia fino al 2019 di optare per l’estensione dell’applicazione del regime di favore fino a otto, undici o tredici periodi di imposta complessivi, previo versamento in un’unica soluzione, di un importo pari al 5% o al 10% dei redditi di lavoro dipendente e di lavoro autonomo prodotti in Italia, relativi al periodo d’imposta precedente a quello di esercizio dell’opzione.

2. Chi può accedere al beneficio?

Tale opzione può essere esercitata, in particolare, dai docenti e i ricercatori che:

  • siano stati iscritti all’AIRE oppure;
  • siano cittadini di Stati membri dell’Unione europea;
  • hanno già trasferito in Italia la residenza fiscale prima dell’anno 2020;
  • coloro che, alla data del 31 dicembre 2019, risultino beneficiari del regime agevolato previsto dal citato articolo 44 del decreto-legge n. 78 del 2010.

 

La Circolare in oggetto chiarisce che la predetta opzione può essere esercitata anche dai docenti e dai ricercatori per i quali il regime di favore è terminato nei periodi d’imposta 2019 o 2020 a condizione, tuttavia, che soddisfino, all’atto dell’opzione, i requisiti di cui al comma 5-ter dell’articolo 5 del decreto Crescita.

3. Quando è possibile fare richiesta?

In relazione a tali fattispecie, tenuto conto che la disposizione di cui al citato comma 5-ter è entrata in vigore il 1° gennaio 2022, i docenti e ricercatori che hanno beneficiato del regime agevolato fino all’anno 2019 o all’anno 2020, potranno applicare il predetto regime solo a decorrere dall’anno di imposta 2022.

A decorrere dal 1° gennaio 2011, l’agevolazione si applica:

  • nel periodo d’imposta in cui il docente o ricercatore diviene fiscalmente residente in Italia e nei tre periodi d’imposta successivi (cinque, a decorrere dal 2020), sempre che permanga la residenza fiscale in Italia;
  • nel periodo d’imposta in cui il ricercatore o docente trasferisce la residenza fiscale nel territorio dello Stato e nei sette periodi d’imposta successivi, sempre che permanga la residenza fiscale in Italia, nel caso di docenti o ricercatori con un figlio minorenne o a carico, anche in affido preadottivo e nel caso di docenti e ricercatori che diventino proprietari di almeno un’unità immobiliare di tipo residenziale in Italia, successivamente al trasferimento in Italia della residenza o nei dodici mesi precedenti al trasferimento; l’unità immobiliare può essere acquistata direttamente dal docente e ricercatore oppure dal coniuge, dal convivente o dai figli, anche in comproprietà;
  • per i docenti e ricercatori che abbiano almeno due figli minorenni o a carico, anche in affido preadottivo, nel periodo d’imposta in cui il ricercatore o docente diviene residente nel territorio dello Stato e nei dieci periodi d’imposta successivi, sempre che permanga la residenza fiscale nel territorio dello Stato;
  • per i docenti o ricercatori che abbiano almeno tre figli minorenni o a carico, anche in affido preadottivo, nel periodo d’imposta in cui il ricercatore o docente diviene residente nel territorio dello Stato e nei dodici periodi d’imposta successivi, sempre che permanga la residenza fiscale nel territorio dello Stato.

Come possiamo aiutarti

Se sei disposto a trasferirti o ti sei appena trasferito in Italia, probabilmente dovresti sapere che i lavoratori provenienti dall’estero possono avere accesso a grandi esenzioni sulla tassazione del reddito.

L’agevolazione riguarda il reddito di lavoro subordinato, di lavoro autonomo o di attività d’impresa per un periodo compreso tra 5 e 10 anni.

Il nostro team di fiscalità internazionale offre pieno supporto nell’applicazione del regime fiscale per lavoratori impatriati e consulenza in caso di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

L’intero processo può essere gestito completamente online, via e-mail e riunioni di conferenza.

Ci sono 2 modi per contattarci:

  • Email – compila il modulo sottostante per richiedere un preventivo sul tuo caso specifico. Risponderemo entro 2 giorni lavorativi;
  • Chiamata – Puoi programmare direttamente una call con i nostri esperti su “Prenota videochiamata” in basso a destra di questa pagina. Scegli la data e l’ora più adatta a te!

Prenota una call con i nostri Esperti

Scegli data e ora che preferisci per prenotare una consulenza con i nostri Esperti.

Clicca sul popup in basso a destra della pagina per scegliere data e ora che preferisci per prenotare una call con i nostri esperti.

Richiedi un preventivo al form sottostante