Apostille: definizione e requisiti per ottenerla

Come funziona: definizione, documenti che la richiedono, Stati che utilizzano questo tipo di timbro e confronti con il processo di legalizzazione standard

Indice dei Contenuti

Italy Covid

Siamo in Italia e operiamo in tutto il mondo

Esperti in Relocation

Qualità
certificata ISO 9001

I documenti rilasciati o da convalidare nei Paesi che fanno parte della Convenzione dell’Aia (firmata il 5 ottobre 1961) devono essere legalizzati tramite apostille.

Cos’è l’Apostille

L’Apostille è un timbro speciale, che certifica l’efficacia giuridica del documento e del Funzionario che vi ha apposto la propria firma (certificati, copie, ecc.). È riconosciuto in tutti gli Stati che hanno firmato la Convenzione dell’Aia.
Dal 2006 è possibile supportare l’emissione e la verifica elettronica delle Apostille in tutto il mondo attraverso il Programma elettronico Apostille (e-APP).

Scopri l’elenco completo dei registri elettronici operativi.

Scopri la Tabella di Implementazione dell’e-APP, che individua le Autorità Competenti che hanno implementato una o entrambe le componenti dell’e-APP.

Quali documenti possono essere apostillati

Questo tipo di legalizzazione è richiesto per diversi tipi di processi come:

  • Permessi di lavoro all’estero e, in generale, processi di immigrazione;
  • Costituzioni di società in altri paesi;
  • Ammissioni a istituti di istruzione all’estero;
  • Registrazioni locali e/o atti civili come il matrimonio.

I timbri Apostille possono essere apposti su documenti originali come:

  • Documenti rilasciati da istituzioni educative, come: certificati di laurea, diplomi, trascrizioni di diplomi e altri;
  • Certificati emessi da istituzioni archivistiche;
  • Certificati di stato di salute;
  • Certificati emessi dai Ministeri degli Affari Interni, nonché altri documenti ufficiali;
  • Documenti emessi da organi giudiziari e tribunali, nonché documenti emessi da notai;
  • Certificati rilasciati dagli uffici di stato civile (nascita, morte, matrimonio, certificati di divorzio, documenti di costituzione di persone giuridiche).

Stati che hanno firmato la Convenzione dell’Aia

Tra gli stati che hanno firmato la Convenzione dell’Aia ci sono:

  • Tutti gli stati dell’UE;
  • Altri paesi tra cui: Albania, Arabia Saudita, Argentina, Australia,  Azerbaigian, Bielorussia, Bosnia-Erzegovina, Cina, Colombia, Costa Rica, Croazia, Repubblica Dominicana, Ecuador, FYR di Macedonia, Georgia, Honduras, Hong Kong, Islanda, India, Israele, Giappone,  Liechtenstein, Messico, Monaco, Mongolia, Montenegro, Nuova Zelanda, Nicaragua,  Norvegia, Oman, Panama, Paraguay, Perù, Repubblica di Moldavia, Federazione Russa, San Marino,  Serbia, Sud Africa, Corea del Sud, Svizzera, Turchia, Ucraina, Regno Unito, Uruguay, USA, Venezuela.

Grazie all’accordo, non è necessario che i documenti rilasciati dai suddetti paesi e che devono essere presentati ad un altro paese firmatario della convenzione, siano legalizzati presso le Rappresentanze Diplomatiche o Consolari, accelerando e semplificando così il processo di legalizzazione.

Ecco l’elenco completo di tutti i paesi che hanno firmato la Convenzione dell’Aia, nonché i dettagli sulle autorità competenti designate, i loro dati di contatto e altre informazioni pratiche.

Per conoscere le altre esenzioni previste per la legalizzazione, dai un’occhiata al nostro articolo in merito.

Organi giurisdizionali: Come si richiede l’Apostille

Ogni paese ha un ufficio dedicato per gestire la procedura di legalizzazione. In Italia, il responsabile della legalizzazione dei documenti è il Ministero degli Affari Esteri.

A seconda dell’ufficio che ha emesso un documento specifico, il Ministero delega alla Procura della Repubblica presso i Tribunali e le Prefetture nel processo di legalizzazione. L’Ufficio del Pubblico Ministero presso i Tribunali è responsabile della legalizzazione degli atti firmati dai Notai o dai Funzionari dell’Ufficio del Cancelliere.

Le Prefetture, invece, sono responsabili della legalizzazione dei documenti sottoscritti da altre Autorità italiane, come i Funzionari dell’Ufficio Anagrafe o gli istituti scolastici.

Qual è la differenza tra Apostille e Legalizzazione Standard?

Se il paese in cui si presentano i documenti non fa parte della Convenzione dell’Aia, è necessario svolgere il processo di legalizzazione standard. In questo caso, il processo è più lungo in quanto richiede sia una verifica preliminare da parte del Ministero degli Affari Esteri e dei suoi uffici delegati sia un’ulteriore verifica da parte delle Rappresentanze Diplomatiche o Consolari del paese in cui i documenti devono essere utilizzati.

Se il paese in cui si presentano i documenti non fa parte della Convenzione dell’Aia, è necessario svolgere il processo di legalizzazione standard.

Arletti & Partners può supportarti nell’ottenimento di un’Apostille o di un timbro di legalizzazione standard sui tuoi documenti e/o nella richiesta di nuovi documenti se richiesto.

Per sapere di più sulla legalizzazione e apostille di documenti italiani per l’estero, leggi la nostra guida dedicata.

Se invece vuoi conoscere come legalizzare o apostillare un documento estero per l’Italia, dai un’occhiata alla nostra guida.

Normativa:

Come possiamo aiutarti a legalizzare i tuoi documenti

  1. Studio A&P risponderà entro 1 giorno lavorativo alla vostra richiesta tramite form di contatto; riceverete un preventivo dedicato con costi e tempistiche necessari;
  2. Il procedimento di legalizzazione inizia lo stesso giorno in cui viene accettato il preventivo, pagando la tariffa stabilita (tramite paypal o bonifico bancario).
  1. Dovrai prima inviare i documenti originali a Studio A&P (in alcuni casi, copie dei documenti possono essere sufficienti);
  2. Dopo aver ricevuto i documenti, li consegneremo per tuo conto presso le autorità competenti;
  3. Una volta pronti, Studio A&P si occuperà di inviarvi i documenti legalizzati.

Le tempistiche per l’apostille si aggirano intorno ad una settimana, a seconda della provincia.

Per quanto riguarda invece la legalizzazione consolare, le tempistiche si aggirano intorno alle 2 settimane, a seconda del consolato di competenza.

  1. Rimborso 100% se il servizio viene cancellato durante lo stesso giorno;
  2. Rimborso 30% se il servizio viene cancellato dopo la notifica di inizio pratica legalizzazione.

 

Corriere DHL e spese di spedizione dipendono dal Paese di destinazione dall’Italia e sono escluse dal preventivo.

Nota: la tariffa per la legalizzazione di documenti può variare in base al tuo caso specifico. La tariffa di base è €100,00 e può aumentare in base a:

  • Paese di provenienza;
  • Tipologia di documento;
  • Traduzione documento;
  • e altro ancora.

Richiedi un Preventivo Gratuito

Non perderti gli ultimi aggiornamenti

Ricevi aggiornamenti gratuiti dai nostri Esperti su immigrazione, diritto del lavoro, tassazione e altro ancora.