• Servizi Fiscali

Fondo impresa femminile: domande aperte dal 5 maggio

come fare domanda per bando fondo impresa femminile
Al via da maggio le domande per accedere al bando Fondo Impresa Femminile, destinato sia a nuove imprese che ad attività già avviate.

Partono dal 5 maggio le prime presentazioni delle domande nell’ambito del Bando MISE “Fondo Impresa Femminile”, con l’intento di incentivare le donne ad avviare e rafforzare nuove attività per realizzare progetti innovativi nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, servizi, commercio e turismo. Compilazioni aperte per le nuove imprese, mentre seguiranno il 24 maggio le compilazioni per le domande di imprese già avviate.

Indice dei contenuti

  1. Requisiti per accedere al fondo impresa femminile
  2. Finanziamenti inclusi nel bando
  3. Contributi stanziati per l’imprenditoria femminile
  4. Come presentare domanda per il fondo impresa femminile
  5. Modalità di erogazione
  6. Prenota una consulenza
  7. Richiedi un preventivo
 

1. Destinatari e requisiti per il fondo impresa femminile

Il Fondo sostiene le imprese femminili di qualsiasi dimensione, già costituite o di nuova costituzione, con sede in tutte le regioni italiane. Anche le persone fisiche possono presentare domanda di finanziamento, con l’impegno di costituire una nuova impresa dopo l’eventuale ammissione alle agevolazioni.

1.1 Chi può accedere al bando imprenditoria femminile?

  • Cooperative o società di persone con almeno il 60% di donne socie.
  • Società di capitale con quote e componenti degli organi di amministrazione per almeno i due terzi di donne.
  • Imprese individuali con titolare donna.
  • Lavoratrici autonome con partita IVA.
 

2. Quali sono i finanziamenti inclusi per il fondo impresa femminile?

Sono ammissibili alle agevolazioni le spese relative a:

  1. immobilizzazioni materiali con particolare riferimento a impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica, purché coerenti e funzionali all’attività d’impresa, a servizio esclusivo dell’iniziativa agevolata;
  2. immobilizzazioni immateriali, necessarie all’attività oggetto dell’iniziativa agevolata, ivi incluse: – le spese per acquisizione di brevetti; – le spese per acquisizione di programmi informatici e soluzioni tecnologiche, commisurate alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa femminile;
  3. servizi in cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale;
  4. personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda e impiegato funzionalmente nella realizzazione dell’iniziativa agevolata;
  5. esigenze di capitale circolante, con limiti specifici e coerenti con l’iniziativa e devono essere connesse al sostenimento, nell’arco di realizzazione dell’iniziativa agevolata, delle seguenti tipologie di spesa:
    • materie prime, sussidiarie, materiali di consumo;
    • servizi di carattere ordinario, strettamente necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa;
    • godimento di beni di terzi,
    • oneri per la garanzia di cui all’articolo 17, comma 3, del decreto 30 settembre 2021.
 

2.1. Spese ammesse dal bando fondo impresa femminile:

  • essere analiticamente descritte e quantificate nel loro ammontare in sede di domanda;
  • essere contabilizzate nel rispetto delle normative contabili e fiscali di riferimento;
  • essere sostenute per l’acquisto di beni e servizi utilizzati esclusivamente ai fini dello svolgimento dell’attività d’impresa ed essere acquistati a condizioni di mercato da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente;
  • essere sostenute per l’acquisto di beni o servizi utilizzati esclusivamente dall’impresa femminile richiedente nell’unità produttiva destinataria delle agevolazioni;
  • essere pagate tramite uno o più conti corrente ordinari intestati all’impresa femminile beneficiaria.
 

2.2. Spese NON ammesse dalle agevolazioni del bando

  • relative a macchinari, impianti e attrezzature usati ovvero a investimenti di mera sostituzione degli stessi;
  • relative a imposte e tasse, inclusa l’IVA e ad oneri previdenziali e assistenziali, nonché ai titoli di spesa di importo imponibile inferiore a 500,00 euro;
  • relative all’acquisto di automezzi, ad eccezione di quelli strettamente necessarie al processo produttivo dell’impresa, nonché, in relazione al mero trasporto dei prodotti aziendali, quelli attrezzati per la conservazione condizionata dei prodotti;
  • effettuate, in tutto o in parte, mediante il cosiddetto “contratto chiavi in mano”.
 

Sono, in ogni caso, ammissibili le sole spese che, in base alla data delle relative fatture o di altro documento giustificativo, risultino sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione ovvero, nel caso di persone fisiche, alla data di costituzione dell’impresa o dell’apertura di partita IVA

3. A quanto ammonta il contributo per l’imprenditoria femminile?

La misura dispone di una dotazione finanziaria complessiva pari a circa 200 milioni di euro, di cui 160 milioni di euro di risorse PNRR e 40 milioni di euro stanziati dalla legge di bilancio 2021.

Il contributo dipende a quale tipologia di impresa si appartiene:

  • Se si vuole costituire una nuova impresa, oppure l’impresa è stata costituita da meno di 12 mesi, si possono presentare progetti d’investimento fino a 250 mila euro. Il Fondo mette a disposizione un contributo a fondo perduto che varia in funzione della dimensione del progetto:
    1. per progetti fino a 100 mila euro, l’agevolazione copre fino all’80% delle spese (o fino al 90% per donne disoccupate) entro un tetto massimo di 50 mila euro,
    2. per progetti fino a 250 mila euro, l’agevolazione copre il 50% delle spese, fino a un massimo di 125 mila euro.
  • Se invece si ha un’impresa attiva da più di 12 mesi, si possono presentare progetti d’investimento fino a 400 mila euro per sviluppare nuove attività o per ampliare attività esistenti. In questo caso, il Fondo prevede un mix di contributo a fondo perduto e finanziamento a tasso zero, con una copertura fino all’80% delle spese ammissibili, per un massimo di 320 mila euro, da rimborsare in otto anni.
 
In entrambi i casi, non è richiesto un valore minimo del progetto d’investimento, che dovrà essere realizzato in 24 mesi.

4. Termini di presentazione della domanda al fondo impresa femminile

La presentazione della domanda prevede una prima fase di compilazione e un successivo invio della domanda da effettuare sulla piattaforma online di Invitalia.

Lo sportello verrà aperto in due fasi successive:

  1. per le nuove imprese, o costituite da meno di 12 mesi, la compilazione sarà disponibile a partire dalle ore 10.00 del 5 maggio 2022, mentre la presentazione della domanda sarà possibile dalle ore 10.00 del 19 maggio 2022
  2. per le imprese avviate, costituite da oltre 12 mesi, la compilazione sarà dalle ore 10.00 del 24 maggio 2022, mentre la presentazione a partire dalle ore 10.00 del 7 giugno 2022.
 

Per l’accesso alla piattaforma è inoltre necessario essere in possesso di una identità digitale (SPID, CNS, CIE) per accedere alla piattaforma dedicata.

Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

5. Modalità di erogazione

Le agevolazioni sono concesse con una procedura valutativa a sportello.

Le proponenti possono inoltre richiedere, al momento della compilazione della domanda, il servizio di assistenza tecnico-gestionale che comprende:

  • un tutoraggio – in fase di realizzazione del progetto – per accompagnare le imprese nell’utilizzo delle agevolazioni, supportarle nel predisporre le richieste di erogazione del finanziamento o altra documentazione di progetto, e trasferire competenze specialistiche, mediante incontri on line o in presenza che verranno pianificati insieme al tutor.
  • un voucher di 2 mila euro da utilizzare a copertura del 50% del costo sostenuto dalle imprese per l’acquisto di servizi di marketing o comunicazione strategica del valore minimo di 4 mila euro.

Prenota una call con i nostri Esperti

Scegli data e ora che preferisci per prenotare una consulenza con i nostri Esperti.

Richiedi un preventivo dai nostri esperti: