La dichiarazione di valore

definition of declaration of value to validate your documents

Se stai considerando di studiare o lavorare in Italia con il tuo titolo di studio, allora dovresti sapere che serve convalidarlo affinché possa utilizzarlo come un certificato valido. In tal caso, dovresti richiedere la dichiarazione di valore (DV).

Indice dei contenuti

  1. Cos’è la dichiarazione di valore?
  2. Dove richiederla?
  3. In quali casi occorre una dichiarazione di valore?
  4. Quali informazioni contiene?
  5. Modulo
  6. Normativa regolamentare
  7. Supporto A&P
  8. Prenota una call
  9. Richiedi un preventivo

1. Cos’è la dichiarazione di valore?

La dichiarazione di valore è un documento che attesta la validità, in Italia, di un titolo di studio conseguito presso un sistema educativo diverso da quello italiano. Viene scritta in italiano.

I titoli di studio o professionali conseguiti all’estero non vengono riconosciuti automaticamente in Italia, non hanno alcun valore legale.

Pertanto, la dichiarazione di valore ha l’unico obiettivo di delineare il valore ottenuto dal titolo nel paese di origine.

Se il paese in cui il titolo è stato rilasciato ha firmato la Convenzione dell’Aja (5 ottobre 1961), ci sarà bisogno di timbro della cosiddetta Apostille dell’Aja al titolo prima della richiesta della dichiarazione di valore.

2. Dove richiederla?

La dichiarazione di valore viene rilasciata dalle rappresentanze diplomatiche italiane all’estero, come l’ambasciata italiana o il consolato competente del territorio, cioè quello più vicino alla città in cui ha sede l’istituzione che ha rilasciato il titolo straniero.

Qui puoi trovare una lista di tutte le ambasciate e i consolati italiani nel mondo.

3. In quali casi occorre una dichiarazione di valore?

Puoi presentare domanda di dichiarazione di valore presso le autorità italiane competenti per i seguenti motivi:

  • Iscrizione all’università, o proseguimento di studi post-laurea (laurea magistrale, dottorato, ecc.);
  • Sfruttare il titolo di studio nei rapporti con le pubbliche amministrazioni;
  • Esercitare professioni regolamentate.

Di seguito alcuni esempi delle autorità italiane competenti e i motivi per cui potresti aver bisogno di una DV:

  • Istituti scolastici (nel caso in cui non hai ancora completato gli studi scolastici obbligatori);
  • Dipartimenti territoriali (precedentemente Uffici scolastici provinciali) per titoli di studio pre-universitari.
  • Università, per ottenere l’equivalente del titolo di studio estero;
  • Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca per dottorati di ricerca equivalenti conseguiti all’estero (Ph.D.);
  • Vari Ministeri per quanto riguarda il riconoscimento professionale (con l’intenzione di esercitare professioni regolamentate).

Non viene richiesta DV se si consegue un titolo di studio nei paesi appartenenti all’Unione Europea.

Tuttavia, in questo caso dovresti ottenere un supplemento al diploma.

Si noti a riguardo che il Consiglio di Stato italiano si è pronunciato sul tema (sentenza n. 4613 del 4/9/07):

Per quanto riguarda le qualifiche conseguite entro i confini dell’UE, la dichiarazione di valore non può essere riconosciuta come se svolgesse un ruolo fondamentale e discriminante. Infatti, la pubblica amministrazione deve giustificare le sue decisioni riguardo al contenuto didattico del diploma. Deve farlo non solo in relazione agli aspetti estrinsechi delle competenze professionali e le capacità attestate dalla qualifica, quale è ufficialmente la dichiarazione di valore, ma sulla base di una valutazione sostanziale, tramite l’uso (valutato caso per caso dalla persona incaricata della procedura) di tutti gli strumenti investigativi normalmente disponibili […].

4. Quali informazioni contiene?

La dichiarazione di valore include le seguenti informazioni:

  • Cognome, nome, data e luogo di nascita del titolare;
  • Istituzione che ha rilasciato il titolo;
  • Data di rilascio del titolo;
  • Numero di matricola;
  • Istituto di istruzione in cui sono stati frequentati o completati i corsi;
  • Campo di studi, specializzazione, facoltà;
  • Durata del corso di studi;
  • Media complessiva dell’esame finale;
  • Qualifica professionale a seguito della conclusione degli studi;
  • Breve descrizione dell’ordinamento scolastico nazionale secondo la Legge dell’Insegnamento N. 84 del 24 luglio 1995.

5. Modulo

Qui puoi trovare un fac-simile del modulo della dichiarazione di valore. Ricorda che è solo un esempio, l’istituto in cui desideri iscriverti potrebbe usare un modello diverso.

Riferimenti Normativi

Convenzione dell'Aja (5 ottobre 1961)

Fonte

Legge dell'insegnamento N. 84 del 24 luglio 1995

Fonte

Ricevi un Preventivo Gratuito

Prenota una Videocall

Per approfondire l’argomento, puoi anche prenotare una video-call con i nostri esperti, scegliendo data e ora che preferisci!

Servizio A&P

Dai un’occhiata alle condizioni di utilizzo del servizio per scoprire come Studio A&P può aiutarti.

Find out more