Supporto da A&P

Certificato di malattia lavoratori marittimi

La Circolare INPS n. 897 del 2 marzo 2023 ha fornito chiarimenti sulla trasmissione dei certificati di malattia dei lavoratori marittimi.

Indice dei Contenuti

Operiamo in
Italia e UE

Posted Workers Alliance

Qualità
ISO 9001

L’ INPS, tramite Circolare 897 del 2 marzo 2023, ha posto l’attenzione sulla trasmissione dei certificati di malattia prevalentemente a mezzo telematico. Tale principio era già stato definito con il D.P.C.M. 26 marzo 2008 e, successivamente, con il D.M. 26 febbraio 2010, come modificato dal D.M. 18 aprile 2012. 

In particolare, la certificazione medica dev’essere rilasciata da una struttura sanitaria pubblica o da un medico convenzionato con il Servizio sanitario nazionale. 

Il caso dei lavoratori marittimi

Per il settore dei lavoratori marittimi, data la particolarità, la ripartizione degli enti competenti al rilascio dei certificati è tra Uffici di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera, Servizi Assistenza Sanitaria Naviganti (USMAF-SASN) e medici fiduciari in Italia e all’estero e medici del S.S.N. sulla base della posizione lavorativa dell’assicurato. 

Anche nel caso di questi lavoratori, l’invio della certificazione medica deve avvenire in principio per via telematica per ottemperare alle linee guida della Circolare menzionata in precedenza. Ad ogni modo, su base eccezionale vengono accettati anche i certificati originali cartacei. Sebbene sia presente questa eccezione, l’invio deve avvenire entro e non oltre 2 giorni dall’emissione del documento, pena la perdita delle relative indennità mediche. 

In aggiunta, come da prescrizione del Messaggio numero 4010 del 14 novembre 2023 dell’INPS, è dovere del lavoratore indicare all’interno di suddetti certificati un indirizzo di reperibilità per le visite mediche domiciliari di controllo (per le visite all’estero ci si basi sulle istruzioni fornite all’interno della circolare n. 87 del 2 luglio 2010). 

Trasferte all’estero di lavoratori marittimi in malattia

Per ciò che riguarda le trasferte all’estero di lavoratori marittimi in stato di malattia sbarcati in Italia, infine, è fatto obbligo porsi a visita ambulatoriale presso l’Unità operativa medico legale più prossima al luogo di sbarco o alla residenza o al domicilio in Italia (messaggio 4271/2018). 

In caso di partenza anche a seguito di parere negativo/mancata autorizzazione, l’interessato perderà il diritto alla relativa indennità (come da circolare n. 134368 A.G.O./14 del 28 gennaio 1981, al paragrafo 14.2, che è applicabile alla generalità degli assicurati).

Riferimenti Normativi

Circolare INPS 897 02/03/2023

Fonte

Messaggio INPS 4010 14/11/2023

Fonte

Ottieni un preventivo gratuito

Scopri di più sul Distacco dei Lavoratori in Europa

Scopri di più con le nostre guide approfondite sul Distacco dei Lavoratori nei Paesi UE. Se non sai da dove cominciare, puoi sempre dare un’occhiata al distacco dei lavoratori in Europa.

Non perderti gli ultimi aggiornamenti

Ricevi aggiornamenti gratuiti dai nostri Esperti su immigrazione, diritto del lavoro, tassazione e altro ancora.