Emendabilità della dichiarazione dei redditi

La corte di cassazione ha ritenuto fondate le ragioni del contribuente ritenendo che, nonostante l’omessa presentazione della dichiarazione integrativa per correggere errori e/o omissioni che abbiano determinato l’indicazione di un maggior reddito, un maggior debito d’imposta o di un minor credito, ciò non precludesse al contribuente la possibilità di veder riconosciuto il proprio credito.

In conclusione, la corte spiega che il contribuente, indipendentemente dalle modalità e termini della dichiarazione integrativa, in sede contenziosa, può sempre opporsi alla maggiore pretesa tributaria dell’amministrazione finanziaria, allegando errori commessi nella redazione della dichiarazione, incidenti sull’obbligazione tributaria e che spetta sempre al contribuente che “ritratta” la propria dichiarazione provare in giudizio il fatto impedivo dell’obbligazione tributaria, e dunque, l’effettività del credito vantato.

Ordinanza del 30/06/2021 n. 18405

Corte di cassazione.

Più di

0

anni d’esperienza

I nostri Team di Esperti hanno una consolidata esperienza nella gestione del distacco dei lavoratori, pratiche d’immigrazione e servizi fiscali in Italia e nel mondo.

Scelti da

0

clienti nel 2021

Prenota una call con i nostri Esperti

Scegli data e ora che preferisci per prenotare una consulenza con i nostri Esperti.

Richiedi un preventivo al form sottostante

Richiedi un preventivo dai nostri Esperti