Supporto da A&P

Emendabilità della dichiarazione dei redditi

La dichiarazione dei redditi è emendabile e ritrattabile: al contribuente è sempre consentito provare che l’originaria dichiarazione era viziata da errore di fatto o di diritto

Indice dei Contenuti

Italy Covid

Siamo in
Italia

Dottori
Commercialisti

Qualità
ISO 9001

La corte di cassazione ha ritenuto fondate le ragioni del contribuente ritenendo che, nonostante l’omessa presentazione della dichiarazione integrativa per correggere errori e/o omissioni che abbiano determinato l’indicazione di un maggior reddito, un maggior debito d’imposta o di un minor credito, ciò non precludesse al contribuente la possibilità di veder riconosciuto il proprio credito.

In conclusione, la corte spiega che il contribuente, indipendentemente dalle modalità e termini della dichiarazione integrativa, in sede contenziosa, può sempre opporsi alla maggiore pretesa tributaria dell’amministrazione finanziaria, allegando errori commessi nella redazione della dichiarazione, incidenti sull’obbligazione tributaria e che spetta sempre al contribuente che “ritratta” la propria dichiarazione provare in giudizio il fatto impedivo dell’obbligazione tributaria, e dunque, l’effettività del credito vantato.

Ordinanza del 30/06/2021 n. 18405

Corte di cassazione.

Riferimenti Normativi

Ottieni un preventivo gratuito

Prenota Video-call

Ricevi supporto professionale con una consulenza online con A&P.

Se ti affiderai a Studio A&P, il costo della call verrà sottratto dal preventivo finale.

Non perderti gli ultimi aggiornamenti

Ricevi aggiornamenti gratuiti dai nostri Esperti su immigrazione, diritto del lavoro, tassazione e altro ancora.