Il Canton Ticino introduce il salario minimo per tutti i lavoratori

The Great Council of Bellinzona approved the law which introduces the minimum salary level for all workers in Canton Ticino.

Mercoledì 11 dicembre 2019, Il Gran Consiglio di Bellinzona ha approvato una legge che istituisce in Canton Ticino il salario minimo per tutti i lavoratori.

La norma prevede un innalzamento graduale e progressivo dei livelli retributivi minimi da 19,75 franchi sino a 20,25 franchi all’ora nell’arco di quattro anni.

Questo aumento coinvolge all’incirca 13mila persone, di cui oltre il 60% dovrebbero essere frontalieri. I maggiori costi per le imprese sono stati invece calcolati attorno ai 5 milioni di franchi all’anno.

L’obiettivo di questa manovra è di rendere meno conveniente il ricorso alla manodopera transfrontaliera, la cui presenza nel Cantone italiano è considerevole e da tempo al centro di dibattiti dell’opinione pubblica e politica.

Ciononostante, non è da escludere che la nuova legge venga impugnata e sottoposta al referendum popolare, a causa delle possibili conseguenze negative come ad esempio il livellamento dei salari dei residenti verso il basso.

Più di

0

anni d’esperienza

I nostri Team di Esperti hanno una consolidata esperienza nella gestione del distacco dei lavoratori, pratiche d’immigrazione e servizi fiscali in Italia e nel mondo.

Scelti da

0

clienti nel 2021

Prenota una call con i nostri Esperti

Scegli data e ora che preferisci per prenotare una consulenza con i nostri Esperti. Tariffa per 30 minuti: €65,00 tutto incluso.

Richiedi un preventivo al form sottostante