Negata la cessione del credito IVA per i residenti extra EU

transfer vat credit
L'Agenzia delle Entrate ha stabilito che, attualmente, è cedibile solo il credito IVA risultante dalla dichiarazione IVA annuale o infrannuale (modulo IVA TR).

Con la risposta a interpello n. 278 del 19 maggio 2022 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in tema di cessione del credito IVA da parte di soggetti residenti in paesi extra-UE.

Indice dei contenuti

  1. La disciplina dei rimborsi IVA transfrontalieri
  2. La cessione del credito IVA secondo l’art. 5, comma 4-ter, D.L. n. 70/1988
  3. La posizione assunta dall’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 278 del 19 maggio 2022
  4. Riferimenti normativi
  5. Come possiamo aiutarti
  6. Prenota call
  7. Richiedi un preventivo

 

1. La disciplina dei rimborsi IVA transfrontalieri

I rimborsi IVA transfrontalieri sono diversamente disciplinati a seconda che il richiedente sia un soggetto passivo appartenente ad uno dei paesi dell’Unione Europea, o un soggetto passivo extra-UE. In particolare, per i primi la disciplina di riferimento è rinvenibile nell’art. 38-bis2 del decreto IVA, che prevede l’utilizzo di un “portale europeo” e, soprattutto, consente all’operatore comunitario di chiedere il rimborso tramite la propria Amministrazione fiscale; per i secondi la disciplina è contenuta nel successivo articolo 38-ter.

Per i soggetti residenti nell’Unione, la procedura di richiesta di rimborso risulta quindi semplificata, in quanto possono richiedere il rimborso dell’IVA assolta in Italia sugli acquisti e importazioni di beni mobili e servizi inerenti alla loro attività, purché detraibile, presentando una richiesta all’Amministrazione competente, senza necessità di identificarsi in Italia, né di dover assolvere gli obblighi fiscali come i soggetti residenti.

Tale procedura, tuttavia, opera a condizione di reciprocità con lo Stato di appartenenza dell’operatore economico; è, dunque, necessario che lo Stato estero cui appartiene il richiedente assicuri lo stesso trattamento agli operatori economici italiani, i quali possono ottenere il rimborso dell’IVA assolta in detto Stato, per l’acquisto di beni e/o servizi.

Attualmente le condizioni di reciprocità sussistono unicamente con la Norvegia, Israele e la Svizzera.

2. La cessione del credito IVA secondo l’art. 5, comma 4-ter, D.L. n. 70/1988

Quanto alla possibilità per un soggetto passivo di cedere il proprio credito IVA, la stessa, sempre negata in passato, è stata implicitamente riconosciuta dal legislatore attraverso la previsione recata dall’art. 5, comma 4-ter, D.L. n. 70/1988, secondo cui in caso di cessione del credito risultante dalla dichiarazione annuale deve intendersi che l’ufficio dell’imposta sul valore aggiunto possa ripetere anche dal cessionario le somme rimborsate, salvo che questi non presti la garanzia prevista nel secondo comma dal suddetto articolo fino a quando l’accertamento sia definitivo.

Quindi ai fini fiscali, poteva essere oggetto di cessione solo il credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale IVA, sempre che sia stato chiesto a rimborso.

3. La posizione assunta dall’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 278 del 19 maggio 2022

L’Agenzia delle Entrate, con risposta n. 278 del 19 maggio 2022, ha sottolineato che, come chiarito dalla circolare del 13 febbraio 2006, n. 6/E, risposta 12.4, per “credito risultante dalla dichiarazione annuale” deve intendersi quello indicato nella dichiarazione annuale IVA e, pertanto, solo tali crediti sono suscettibili di cessione.

Dal momento che il legislatore non ha inserito alcun richiamo ai rimborsi IVA eseguiti nei confronti dei soggetti non residenti nell’Unione europea, e che lo stesso art. 38-ter del decreto IVA e il D.M. 20 maggio 1982, n. 2672 (recante le norme di attuazione delle disposizioni di cui all’art. 38-ter) non recano alcuna indicazione in merito alla possibilità di cedere a terzi il credito IVA chiesto a rimborso, l’Agenzia ritiene che attualmente solo il credito IVA risultante dalla dichiarazione IVA annuale o infrannuale (modello IVA TR) può essere oggetto di cessione.

Come possiamo aiutarti:

Se avete pagato l’IVA durante una trasferta di lavoro all’interno dell’Unione Europea, dovreste sapere che vi è la possibilità di recuperare questa spesa attraverso una richiesta di rimborso da presentare all’Autorità fiscale dello Stato in cui la vostra azienda è situata.

Il nostro team di fiscalità internazionale può aiutare le aziende italiane che operano a livello internazionale ad ottimizzare i costi relativi all’invio di dipendenti all’estero attraverso il recupero dell’IVA sulle principali categorie di spesa, come per hotel, ristoranti e noleggio auto.

Vi guideremo step by step nella preparazione della documentazione necessaria e invieremo per vostro conto la richiesta di rimborso all’Agenzia delle Entrate italiana.

L’intero processo può essere gestito completamente online, via e-mail e riunioni di conferenza.

Ci sono 2 modi per contattarci:

  • Email – compila il modulo sottostante per richiedere un preventivo sul tuo caso specifico. Risponderemo entro 2 giorni lavorativi;
  • Chiamata – Puoi programmare direttamente una call con i nostri esperti su “Prenota videochiamata” in basso a destra di questa pagina. Scegli la data e l’ora più adatta a te!

Più di

0

anni d’esperienza

I nostri Team di Esperti hanno una consolidata esperienza nella gestione del distacco dei lavoratori, pratiche d’immigrazione e servizi fiscali in Italia e nel mondo.

Scelti da

0

clienti nel 2021

Prenota una call con i nostri Esperti

Scegli data e ora che preferisci per prenotare una consulenza con i nostri Esperti.

Richiedi un preventivo al form sottostante