Misure preventive contro il Coronavirus negli Stati Europei

Al fine di contenere la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus) le autorità di molti stati hanno approvato alcune misure preventive che potrebbero interessare anche gli spostamenti del personale in trasferta all’estero.

Francia e Gran Bretagna hanno disposto l’auto-isolamento per 14 giorni per coloro che rientrano da Lombardia e Veneto. In Croazia, le persone provenienti dalle regioni italiane considerate a rischio (Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto) saranno sottoposte a controlli e a una verifica quotidiana per 14 giorni del proprio stato di salute. In Romania, ai viaggiatori provenienti da Lombardia e Veneto è richiesto un isolamento obbligatorio per 14 giorni. In Bulgaria, Slovacchia e Lettonia, tutti i cittadini italiani vengono sottoposti a controlli sanitari. La Germania ha annunciato che, oltre all’isolamento volontario di 14 giorni, i viaggiatori provenienti dall’Italia Settentrionale saranno tenuti a comunicare i loro dati e gli spostamenti effettuati tramite un apposito documento.

In generale, anche se la maggior parte dei Paesi Europei sconsiglia i viaggi verso il nostro Paese, non sono previste restrizioni agli spostamenti dei cittadini italiani all’interno dell’Unione Europea. Ciononostante, il diffuso clima allarmistico potrebbe favorire l’annullamento e/o il rinvio dei viaggi di lavoro.

Vi invitiamo a seguire con attenzione le indicazioni del Ministero della Salute e a tenere monitorato il sito della Farnesina per ulteriori aggiornamenti.