Corea del Sud: restrizioni di viaggio e requisiti d’ingresso per trasferta lavorativa

learn south korea entry requirements if you are planning business trips

Scopri i requisiti d’ingresso e permanenza in Corea del Sud per trasferte di lavoro.

A seguito del miglioramento della situazione pandemica di Covid-19, la Corea del Sud ha gradualmente rimosso le restrizioni di viaggio.

In questo articolo riportiamo le disposizioni anti-Covid attualmente vigenti in Corea del Sud сhe potrebbero interessare coloro che stanno pianificando trasferte di lavoro.

Indice dei contenuti

  1. Requisiti di ingresso e di transito in Corea del Sud
  2. Obbligo di quarantena
  3. Permanenza in Corea del Sud
  4. Chiedi ai nostri esperti

 

1. Requisiti di ingresso e di transito in Corea del Sud

L’ingresso in Corea del Sud può avvenire nel rispetto dei normali requisiti di immigrazione. Occorre essere in possesso di un documento di viaggio valido, di un visto, dell’Autorizzazione Elettronica al Viaggio (K-ETA) oppure dell’Alien Registration Card. Dal 1° aprile 2023 al 31 dicembre 2024, alcuni paesi (Italia compresa) sono esentati dall’obbligo di K-ETA.

Sebbene il transito sia consentito, i viaggiatori devono possedere la carta d’imbarco per la destinazione finale. I passeggeri in transito devono spedire il bagaglio direttamente alla destinazione successiva, in modo tale che non si debba uscire dall’area transiti dell’aeroporto Incheon per ritirare il bagaglio.

Inoltre, tutti viaggiatori in ingresso e in transito vengono sottoposti a controlli sanitari al momento dell’arrivo in aeroporto. All’ingresso, possono essere applicate le seguenti procedure, oppure la combinazione di esse: controllo della temperatura, questionario, test anti-Covid-19 nonché isolamento nel caso di risultato positivo al Covid-19 e comparsa dei sintomi.

1.1. La Certificazione Covid-19 è richiesta?

Lo scorso autunno, la Corea del Sud ha abolito l’obbligo  di presentare l’esito negativo del test anti-Covid-19 all’ingresso nel paese, così come quello di sottoporsi a test molecolare (PCR) entro 24 ore dall’ingresso.

Per motivi di salute, i visitatori di breve durata possono sottoporsi al test post-ingresso in aeroporto. Mentre i cittadini coreani e residenti in Corea possono effettuare test gratuiti presso le strutture sanitarie locali.

Si consiglia di portare con sé una prova che attesti la guarigione da Covid-19 con la data in cui è stato effettuato il test, il periodo di isolamento e la durata delle cure. Tale documentazione può essere presa in considerazione dalle autorità coreane nel decidere sulle misure di quarantena in caso di risultato del test dubbio o positivo.

1.2. Adempimenti Pre-Ingresso

Per rendere la procedura di ingresso più comoda e rapida, le autorità coreane invitano i viaggiatori a registrare le informazioni sulla propria salute e i dettagli del viaggio sul sito dedicato Q-CODE. Una volta compilato il modulo, verrà automaticamente emesso un codice QR che dovrà essere presentato all’arrivo.

Inoltre, verrà controllato che il telefono del viaggiatore sia abilitato a ricevere chiamate in Corea. Questa procedura ha il fine di consentire alle autorità coreane di monitorare lo stato di salute del viaggiatore.

2. Obbligo di quarantena

Non vi è obbligo di quarantena post-ingresso, a meno che non si abbiano sintomi gravi da Coronavirus e il risultato positivo al test. In tal caso, i viaggiatori dovranno auto-isolarsi. In situazioni del genere, non viene considerato lo status vaccinale.

La modalità di isolamento viene definita dalle autorità competenti. I viaggiatori possono essere ricoverati in una struttura governativa. Il periodo di isolamento può essere anche trascorso nel proprio luogo di permanenza previo accordo con le autorità competenti. In generale, l’isolamento potrà terminare dopo sette giorni.

Se si manifestano i sintomi del COVID-19 durante il soggiorno in Corea del Sud, occorre isolarsi immediatamente e contattare l’Agenzia coreana per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Il Centro coreano per il controllo delle malattie ha ampia discrezionalità nell’applicare qualsiasi misura ritenuta necessaria. Ad esempio, il trattamento nella struttura governativa può avvenire alle spese di un viaggiatore, la durata di isolamento può essere prolungata oltre sette giorni.

3. Permanenza in Corea del Sud

Non ci sono restrizioni per quanto riguarda la mobilità interna, a meno che una persona non risulti positiva al Covid-19 e le autorità non abbiano ordinato l’isolamento.

Il trasporto pubblico funziona regolarmente.

Nonostante le disposizioni anti-Covid siano state revocate, il Centro coreano per il controllo delle malattie consiglia di osservare le seguenti misure di prevenzione: indossare una mascherina, lavarsi le mani, far ventilare frequentemente gli ambienti e mantenere un’adeguata distanza di sicurezza interpersonale.

Per quanto riguarda la mascherina, a partire dal marzo 2023, vige l’obbligo di indossarla in tutti i luoghi in cui il rischio di contagio è elevato come le strutture sanitarie, gli ospedali, le farmacie. Invece, non è più obbligatorio indossare la mascherina sui mezzi di trasporto pubblico. È importante che la mascherina copra sia il naso che la bocca. In caso di mancato rispetto di questi requisiti, si è passibili di multa fino a 100,000 KRW (circa 70 euro).

Infine, occorre notare che le misure restrittive possono variare a livello regionale. Pertanto, si consiglia di controllare la situazione nelle regioni d’interesse.

Si prega di notare che le informazioni fornite in questo articolo possono subire variazioni con breve o senza preavviso. Perciò, si consiglia di monitorare regolarmente le disposizioni o chiedere supporto ai nostri esperti.

Come Studio A&P può aiutarti

Studio Arletti & Partners è specializzato nel monitorare l’andamento delle restrizioni all’estero in merito all’emergenza COVID-19. Forniamo supporto dedicato alle Aziende e lavoratori che devono viaggiare all’estero per motivi di lavoro, garantendo un supporto operativo e informativo su Paesi UE ed Extra-UE.

Per ulteriori informazioni sull’argomento, puoi contattare i nostri esperti tramite il form sottostante

0

anni d’esperienza

I nostri Team di Esperti hanno una consolidata esperienza nella gestione del distacco dei lavoratori, pratiche d’immigrazione e servizi fiscali in Italia e nel mondo.

Scelti da

0

clienti nel 2022

Richiedi supporto dedicato dai nostri Esperti